Richiesta Prestito

Richiesta Prestito
Quando si ha bisogno di un finanziamento, dopo avere esaminato le varie offerte disponibili sul mercato, meglio se chiedendo i preventivi, è necessario fare richiesta formale di un prestito, allegando la documentazione necessaria all’erogazione.

Quando si ha bisogno di liquidità, necessaria a coprire un fabbisogno, a cui non si riesce a far fronte con risorse proprie, potrebbe risultare necessario richiedere un prestito a una banca o a una società finanziaria.

Per prima cosa, in questi casi, bisogna considerare il tipo di finanziamento più adatto, essenzialmente se abbiamo necessità di un prestito personale o di uno finalizzato.

Il secondo caso potrebbe essere quello relativo ad acquisti, come di un’auto, di un elettrodomestico o anche per andare in vacanza, etc.
Una volta individuato il finanziamento più idoneo, magari meglio dopo avere chiesto il relativo preventivo, non resta che fare richiesta formale di un prestito.

La richiesta di un prestito è un atto formale, a differenza di un preventivo, che resta sempre informale. Con esso, il cliente chiede ufficialmente a una banca o finanziaria di ottenere un certo finanziamento, per una determinata somma.

La richiesta prevede l’apertura di una cosiddetta fase istruttoria, con cui la società erogatrice effettua un’indagine sulla storia creditizia del cliente, al fine di verificare se abbia avuto precedenti problemi, essendo stato iscritto come cattivo pagatore o protestato.

Pertanto, alla richiesta vanno sempre allegati i documenti utili all’ottenimento del finanziamento, in primis, la busta paga, che attesti il godimento di un reddito da lavoro. E’ importante che già all’atto della richiesta, si abbia già a disposizione tutta la documentazione necessaria, al fine di evitare inutili perdite di tempo.

Una volta accertatasi se sia o meno meritevole di credito (in alcuni casi, anche se si è cattivi pagatori o protestati), inizia la vera fase istruttoria, durante la quale si analizzano le garanzie presentate dal cliente, come la busta paga (modello unico se lavoratore autonomo o libero professionista, cedolino pensione se pensionato) e le altre tutele eventuali, in favore del credito, come la documentazione su immobili di proprietà o la firma di un garante, che presti la garanzia del proprio reddito e patrimonio, in favore del credito eventualmente erogato.

L’istruttoria si conclude con l’accettazione o il respingimento della richiesta.